immagine-cover2

 Speciale

Published 24 Marzo 2017

Raccontare gli italiani al di fuori delle medie statistiche, pescando nella biodiversità delle province. Il vero asse geografico ma anche sociale e produttivo su cui ruota il nostro Paese. Siamo partiti da qui per disegnare la mappa delle eccellenze delle province italiane tracciandone una visione positiva che ha trasmesso conferme, ma anche evidenze più originali e nascoste. Così il Sud e le Isole si confermano la dispensa fresca dell’Italia e guadagnano quattro primati nell’ambito della produttività, con melanzane, fragole e altre prelibatezze. Il Centro del Paese è invece il biglietto da visita del Made in Italy, tra primati di artigiani (Reggio Emilia), esportazioni (Arezzo) e shopping (Ascoli Piceno). Il Nord è l’avanguardia d’Italia: qui abbiamo rintracciato il primato per l’azzeramento del gender gap, le migliori condizioni di vita, le zone più sicure e il maggior numero di start-upper innovative. Bolzano e Treviso poi svettano su tutte le altre province; la prima perché è la provincia dove abitano le cicogne in un Italia dove la popolazione tende pericolosamente a diminuire (l’indice di natalità supera qui il 10%) e la seconda per converso perché qui più che altrove è alta la speranza di vita alla nascita (raggiunge gli 83,5 anni). Il valore delle differenze è la chiave di lettura della mappa.