Il vuoto batte tutti

In occasione della notte delle streghe abbiamo estrapolato dalla nostra indagine Stili d’Italia quali sono le paure più sentite dagli italiani. Al primo posto quella dell’altezza e del vuoto, mentre all’ultimo quella degli spazi aperti. Non manca poi qualche timore verso gli animali ma anche per i luoghi affollati. Certo l’età fa un po’ la differenza

Al primo posto tra i timori degli italiani c’è l’altezza o comunque la paura del vuoto. E’ quanto emerge dalla nostra ricerca Stili d’Italia*, a cui hanno risposto 7000 persone. Un timore che assale più di un italiano su 3 (35%) e che praticamente non risente della differenza di genere, già che le vette spaventano quasi il 36% delle donne vs un 35% degli uomini. Una diversità che invece si fa più marcata per gli spazi chiusi. La sensazione di claustrofobia (seppur va sottolineato che la domanda chiedeva quale fosse la paura percepita dell’intervistato e non una vera fobia diagnosticata) viene dichiarata dal 20% delle donne, contro il 12% degli uomini. Stesso discorso poi per la paura dagli animali, con le stesse identiche percentuali e una media totale intorno al 16%.


Poco gettonata invece la paura di volare di cui soffre solo un italiano su 10, senza sostanziali differenze tra maschi e femmine. Distanze che invece si fanno sentire per quanto riguarda il timore delle tenebre: dichiara di avere paura del buio il 6% degli uomini contro il quasi 12% delle donne.

E la paura dell’altezza o del vuoto mantiene la prima posizione in tutte le classifiche per età. Graduatorie piuttosto simili se si tralascia che per gli under 35 pesa un po’ di più il buio, per gli over 36 volare, mentre per gli under 45 gli animali sono un elemento sensibile.

 

 

* Stili d’Italia  è la più recente ricerca condotta da italiani.coop, lo strumento di analisi e approfondimenti sui mutamenti della società curato dall’Ufficio Studi Coop. La ricerca condotta a maggio-giugno 2018 con metodologia Cawi ha coinvolto un campione di 7000 persone rappresentativo degli italiani 18-65.

Lascia un commento