Il prestito fa gola

Nel 2016 gli italiani hanno scelto di credere (almeno un po’) nella ripresa dell’economia e circa il 2% in più della popolazione ha chiesto un finanziamento. Per acquistare l’auto nuovo o per comprarsi finalmente una casa, ognuno paga 360 euro al mese.

Sembra che qualche famiglia si sia fatta prendere da una ventata di speranza nel 2016 ed abbia scelto di chiedere un mutuo, un prestito o un finanziamento per acquistare una casa, un’auto o magari per pagarsi il sogno di una vita.

 

Nel 2016, quasi due italiani su dieci in più rispetto al 2015, hanno almeno un contratto di credito reale attivo. A certificarlo è uno studio di Crif, azienda esperta nel settore dei prestiti, secondo cui un italiano maggiorenne su 3 (34,6%) l’anno scorso ha chiesto almeno un prestito ed oggi rimborsa rate di 360 euro al mese pro-capite.

 

Al primo posto dei prestiti (43,3% del totale) ci sono quelli finalizzati all’acquisto di auto, moto, elettronica, elettrodomestici, articoli da arredamento, viaggi ecc. Al secondo posto si piazzano i prestiti personali (33,9%) e al terzo invece i mutui per le abitazioni (22,8%) che registrano per altro una crescita del 3,1% rispetto all’anno precedente. Già nel Rapporto Coop infatti avevamo raccontato di come gli italiani iniziassero nuovamente ad essere interessati per il mattone.

 

 

E non tutte le regioni hanno la stessa quantità di crediti da restituire. I toscani sono i più ottimisti con il 39,7% della popolazione che ha dei crediti attivi. I trentini invece sono i più parsimoniosi d’Italia con solo il 17,7% degli indebitati. Coloro che devono restituire ancora la cifra più ingente sono i lombardi, con circa 43 mila euro di indebitamento medio residuo, mentre i meno oberati sono i calabresi con un po’ più di 22 mila euro.

 

Popolazione indebitata e Rata Media Mensile Sostenuta

Regione% Popolazione indebitataIndebitamento Medio (euro)
Toscana 39,7 38.749
Friuli-Venezia Giulia 37,6 37.030
Sardegna 37,5 26.329
Lazio 36,7 33.444
Lombardia 36,7 43.340
Piemonte 35,8 36.632
Umbria 35,5 32.291
Valle d'Aosta 35,5 32.770
Liguria 35,3 38.835
Puglia 35,2 29.642
Totale Italia 34,6 34.462
Abruzzo 34,5 30.267
Emilia-Romagna 34,1 40.069
Veneto 33,2 39.422
Sicilia 32,8 24.929
Marche 32,2 36.231
Calabria 31,3 22.571
Campania 30,9 27.857
Molise 29,3 26.518
Basilicata 28,4 25.753
Trentino-Alto Adige 17,7 40.933


 

E, in base a dove vivono, cambiano anche le motivazioni per cui gli italiani si indebitano. Al sud, come in Calabria, Campania e Puglia, la metà dei prestiti sono finalizzati (per comprare l’auto nuova, la moto o magari la lavatrice). Al centro nord, come in Friuli, Emilia- Romagna e Lombardia, è, invece, più alta la percentuale di prestiti personali e mutui.

 

Lascia un commento

d
c