Febbre da e-shopping

Nel giorno in cui iniziano ufficialmente le compere per i regali di Natale, ci siamo chiesti quanti italiani davvero usano l’on line per riempire l’albero di doni. E anche se non siamo di certo i primi in Europa, la passione per gli acquisti in rete inizia a contagiare anche il nostro Paese

Stando ai dati Eurostat nel 2016 4 italiani su 10 che di solito navigano in internet, hanno comprato qualcosa on line. Quasi il doppio di quanti lo facevano nel 2007: 24%. Certo rimaniamo ancora indietro sia alla media europea (66%) che alla Spagna (54%), alla Francia (75%), alla Germania (82%) o al Regno Unito (87%).
 


 
Gli italiani on line acquistano soprattutto viaggi e vacanze, l’abbigliamento e gadget e attrezzature per lo sport sono al secondo posto, mentre le medicine e il cibo rimangono tra i beni che ancora amiamo comprare in negozio, magari perché si ha bisogno della consulenza di qualcuno o di vedere la merce.
 

 
Va comunque detto che la vendita di alimentari inizia a scalfire anche lo scetticismo degli italiani. Nel 2017 il valore del mercato e-commerce nel Food & Grocery ha superato gli 800 milioni di euro quasi raddoppiando rispetto al 2015.
 

 
Abbiamo già raccontato nel Rapporto Coop 17 che il supporto preferito per comprare on line è il cellulare. Negli ultimi anni il mobile ha conquistato i Millennials, tra i quali uno su tre acquista dallo smartphone, e in generale ha affascinato anche le altre fasce della popolazione, raggiungendo nel 2017 il 17,4% degli acquisti on line.
 

 
E gli italiani si distinguono come i più sperimentatori d’Europa. Il 42% dichiara che ama provare cose innovative e spesso acquista in virtù del fatto che il prodotto sembri nuovo e diverso.
 

Lascia un commento